Ma quanto dormi?

Oggi, guardando il mio gatto che dormiva, e continua a dormire, ai piedi del letto, mi chiedevo quanto tempo effettivamente passano questi pelandroni a sonnecchiare. A volte sono costretta ad andare li a controllare che non sia morto!

Questo mi ha ispirato una piccola illustrazione e l’articolo proposto a seguire.

gatto poltrona
“Gatto sulla poltrona” di Luisella Zambon

 

 

Comprendere il perché del sonno del vostro gatto è importante perché i gatti dormono due terzi del loro vita.Lo fa per più di 16 ore al giorno, ed è più di ogni altro mammifero, tranne che per l’opossum e alcuni pipistrelli.

Impariamo a capire il nostro gatto dormiglione

Perché i gatti dormono tanto? Diversi sono i fattori. I predatori che hanno pochi nemici naturali possono permettersi di dormire per lunghi periodi di tempo. Inoltre, la necessità di dormire aumenta in proporzione alla quantità di energia impiegata. Essendo un predatore, il gatto impiega tantissime energie nel cacciare la prede, o, più comunemente, nell’inseguire e sottomettere il proprio topino di pezza.

I campioni del pisolino

Il sonno dei gatti, come quello degli esseri umani e di molti altri mammiferi, è caratterizzato da due pattern di attività cerebrale. Questa attività è stata misurata sperimentalmente con un elettroencefalografo (EEG) che registra le onde e gli impulsi di attività su un grafico. Da sveglio il cervello del gatto trasmette onde brevi e irregolari. Ma quando sonnecchia, il cervello del gatto produce onde lunghe e regolari e questo stadio del sonno dura dai 15 ai 30 minuti. Mentre dorme un gatto in genere sta con la testa sollevata e le zampe nascoste sotto di lui. A volte dorme proprio seduto, visto che i muscoli rigidi sono pronti a scattare in caso di pericolo. Quando il sonno del gattino si fa più profondo, il suo corpo si rilassa; si poggia su un lato e distende i muscoli. Gli schemi cerebrali cambiano ancora e le onde sono di nuovo corte, come nella fase di veglia. Tuttavia il gatto è completamente rilassato, ed in questa fase è addirittura difficile svegliarlo (la fase viene chiamata “sonno rapido” a causa delle onde molto ravvicinate).  Questa fase di solito dura solo cinque minuti, e si alterna più volte con la fase ad onde lunghe fino al risveglio completo del piccolo felino. È interessante notare che i gattini sotto il mese di età cadono direttamente nella fase del “sonno rapido” senza alternare con la fase ad onde lunghe.

E’ durante la fase ad onde brevi che i gatti sognano. Sì, i gatti sognano, ma non ci è dato sapere cosa. Ci piace immaginare che quando li vediamo contrarre le zampette ed emettere quei leggeri vocalizzi stiano sognando una caccia al topo! I sensi del gatto continuano a registrare suoni e profumi per il 70 percento del sonno, in modo da renderli pronti a scattare all’odore o allo squittio di un topo. Al risveglio da una lunga dormita il rituale è sempre lo stesso: sbadiglia e fa stretching partendo dalle gambe anteriori per poi passare ad una bella lavata.

Mente gli esseri umani prediligono dormite lunghe e continuative (arrivando anche oltre le otto ore), il gatto ama alternare brevi sonnellini durante tutta la giornata. Le abitudini cambiano da un’esemplare all’altro, ma genericamente i cuccioli e i gatti anziani dormono di più di quelli adulti. E’ interessante notare anche che i gatti sembrano più attivi all’alba e al tramonto, e questo perché le condizioni di luce sono propizie allo svolgimento delle loro attività. Questo li porta spesso a svegliarci spesso la mattina presto, anche se di solito un gatto domestico adatta velocemente i propri ritmi a quelli del proprio padrone.

fonte: about.com/cats

 

Leave a comment

© Copyright 2015
44 gatti di Luisella by Luisella
Le illustrazioni e le creazioni sono di Luisella - luisella.zambon@gmail.com
Web Design e contenuti sono di Valerio - valerio.compagnoni@gmail.com - www.stazioneweb.it COMING SOON

powered by Everything theme